venerdì 26 aprile 2013

DELITTI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – MILLANTATO CREDITO EX ART. 346, COMMA 2, COD. PEN. – INDICAZIONE DEL FUNZIONARIO AVVICINABILE COME CORROTTO - NECESSITA’ - ESCLUSIONE

DELITTI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – MILLANTATO CREDITO EX ART. 346, COMMA 2, COD. PEN. – INDICAZIONE DEL FUNZIONARIO AVVICINABILE COME CORROTTO - NECESSITA' - ESCLUSIONE
La VI Sezione della Suprema Corte ha affermato che per la sussistenza del delitto di millantato credito, cui al comma 2 dell'art. 346 cod. pen. non è necessario (a differenza di quanto previsto per la nuova fattispecie di cui all'art. 346 bis cod. pen.) che il pubblico funzionario, avvicinabile dal millantatore, debba essere descritto come corrotto o pronto a rendersi partecipe di una corruzione passiva in senso proprio, essendo, invece, sufficiente che ne sia preannunciata la disponibilità remunerabile a svolgere interventi presso altri pubblici funzionari
 
Testo Completo:

Sentenza n. 17941 del 15 febbraio 2013 – depositata il 18 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente A. Cortese, Relatore G. Paoloni)

MISURE CAUTELARI - PERSONALI - RIESAME – RICHIESTA PROPOSTA DAL DIFENSORE – DECORRENZA DEL TERMINE – ATTESTAZIONE IN CALCE AL VERBALE DI INTERROGATORIO DI AVERE RICEVUTO L’AVVISO DI DEPOSITO - RILEVANZA

MISURE CAUTELARI - PERSONALI - RIESAME – RICHIESTA PROPOSTA DAL DIFENSORE – DECORRENZA DEL TERMINE – ATTESTAZIONE IN CALCE AL VERBALE DI INTERROGATORIO DI AVERE RICEVUTO L'AVVISO DI DEPOSITO - RILEVANZA
La VI sezione della Suprema Corte ha affermato che l'attestazione del difensore in calce al verbale dell'interrogatorio ex 294 cod. proc. pen. di avere ricevuto l'avviso del deposito dell'ordinanza cautelare e di avere preso cognizione della contenuto della stessa fa decorrere i termini per la richiesta di riesame.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 17958 del 16 aprile 2013 – depositata il 18 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore C. Citterio)

PROPRIETA' - DOMANDA DI COSTITUZIONE COATTIVA DI SERVITU' DI PASSAGGIO SU FONDI APPARTENENTI A DIVERSI PROPRIETARI - PROPOSIZIONE NEI CONFRONTI DI UNO SOLO DI ESSI - CONSEGUENZE

PROPRIETA' - DOMANDA DI COSTITUZIONE COATTIVA DI SERVITU' DI PASSAGGIO SU FONDI APPARTENENTI A DIVERSI PROPRIETARI - PROPOSIZIONE NEI CONFRONTI DI UNO SOLO DI ESSI - CONSEGUENZE
Le Sezioni Unite, risolvendo il contrasto rimesso dalla Seconda sezione con ordinanza n. 6764 del 2012, hanno affermato che la domanda di costituzione coattiva di servitù di passaggio deve essere contestualmente proposta nei confronti dei proprietari di tutti i fondi che sia necessario attraversare per il collegamento con la strada pubblica, dovendo, in mancanza, essere respinta, perché diretta a far valere un diritto inesistente.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 9685 del 22 aprile 2013

(Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore E. Bucciante)

PROCEDIMENTO CIVILE - DOMANDA DI RISARCIMENTO DEL DANNO

PROCEDIMENTO CIVILE - DOMANDA DI RISARCIMENTO DEL DANNO
CHIAMATA IN CAUSA DEL PROPRIO ASSICURATORE DELLA RESPONSABILITA' CIVILE DA PARTE DEL CONVENUTO - INTEMPESTIVA RIASSUNZIONE DELLA DOMANDA DI GARANZIA - ESTENSIONE DELL'EFFETTO ESTINTIVO ANCHE ALLA DOMANDA PRINCIPALE
Le Sezioni Unite, pronunciandosi su questione di massima di particolare importanza, hanno enunciato il seguente principio di diritto: "Nel processo con pluralità di parti cui dà luogo la chiamata in causa dell'assicuratore prevista dall'art. 1917, quarto comma, cod. civ., l'evento interruttivo che in primo grado colpisca l'assicuratore determina la sola interruzione del giudizio relativo alla domanda di indennità, ancorché il processo debba essere mantenuto in stato di rinvio sino alla scadenza del termine per la prosecuzione da parte dei successori del chiamato o della riassunzione da parte del chiamante; conseguentemente, l'onere della riassunzione grava sul convenuto che ha eseguito la chiamata in causa e, mancata ad opera di alcuna delle parti attività processuale utile alla prosecuzione del relativo giudizio, il processo di estingue solo per la parte che riguarda la domanda proposta con la chiamata in causa".
 
Testo Completo: Sentenza n. 9686 del 22 aprile 2013

(Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore A. Spirito)

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI - COOPERATIVA MUTUALISTICA - DICHIARAZIONE D'INSOLVENZA - LIMITE DI EURO TRENTAMILA DEI DEBITI SCADUTI E NON PAGATI - APPLICABILITA' - ESCLUSIONE

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI - COOPERATIVA MUTUALISTICA - DICHIARAZIONE D'INSOLVENZA - LIMITE DI EURO TRENTAMILA DEI DEBITI SCADUTI E NON PAGATI - APPLICABILITA' - ESCLUSIONE
La dichiarazione d'insolvenza di una società cooperativa esclusivamente mutualistica, a norma dell'art. 195 della legge fallimentare, non è impedita dalla circostanza che l'ammontare dei debiti scaduti e non pagati risultanti dagli atti dell'istruttoria prefallimentare sia complessivamente inferiore a euro trentamila, non applicandosi in tal caso l'art. 15, ultimo comma, della legge medesima.
 
Testo Completo:

Sentenza 22 aprile 2013, n. 9681

(Sezione Prima Civile, Presidente  R. Rordorf, Relatore A. Ceccherini)

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – CONSIGLIERE REGIONALE – RICHIESTA DI SOMMA DI DENARO IN CAMBIO DI INTEFERENZA ILLECITA NELL’ATTIVITA’ DI FUNZIONARI REGIONALI- CORRUZIONE PER ATTO CONTRARIO AI DOVERI DI UFFICIO - CONFIGURABILITA’

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – CONSIGLIERE REGIONALE – RICHIESTA DI SOMMA DI DENARO IN CAMBIO DI INTEFERENZA ILLECITA NELL'ATTIVITA' DI FUNZIONARI REGIONALI- CORRUZIONE PER ATTO CONTRARIO AI DOVERI DI UFFICIO - CONFIGURABILITA'
La sesta sezione ha ritenuto che integra il delitto di corruzione per atto contrario ai doveri di ufficio il comportamento di un consigliere regionale che, in cambio di una somma di denaro, abbia consentito al privato di ottenere, quale controprestazione, una condotta di illegittima interferenza (a sua volta qualificabile di tipo corruttivo o concussivo) nei confronti di funzionari regionali allo scopo di indurli ad accordare un trattamento di impropria preferenza cronologica e di risultato nel rilascio di autorizzazioni per l'installazione di impianti fotovoltaici.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 17943 del 15 febbraio 2013– depositata del 18 aprile 2013
 
(Sezione Sesta Penale, Presidente A. Cortese, Relatore G. Paoloni)

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – FUNZIONARIO DELL’UFFICIO PROVINCIALE DEL LAVORO ADDETTO ALLA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – FUNZIONARIO DELL'UFFICIO PROVINCIALE DEL LAVORO ADDETTO ALLA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE
PROSPETTAZIONE AD INVALIDO CIVILE DI GRAVI RISCHI CONNESSI ALLA SUA POSIZIONE DI LAVORATORE PROTETTO – RICHIESTA DI PRESTAZIONE SESSUALE - DELITTO DI CONCUSSIONE – CONFIGURABILITA'
La sesta sezione ha ritenuto che il funzionario dell'ufficio provinciale del lavoro addetto alla formazione delle graduatorie del collocamento obbligatorio sia da qualificarsi come pubblico ufficiale e che la prospettazione da lui fatta ad un invalido civile, in termini subdolamente vaghi di gravi rischi e difficoltà di ottenere un lavoro quale categoria protetta, accompagnata da una forte determinazione di pretendere in compenso del suo interessamento prestazioni sessuali integra, anche dopo le modifiche intervenute da parte della legge n. 190 del 2012, il delitto di concussione.
 
Testo Completo: Sentenza n. 18372 del 21 febbraio 2013 – depositata del 22 aprile 2013

(Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore A. Cortese)

mercoledì 24 aprile 2013

DELITTI CONTRO L'ORDINE PUBBLICO – ASSOCIAZIONE A DELINQUERE – AGGRAVANTE DELLA TRANSNAZIONALITA' DI CUI ALL'ART. 4 DELLA L. N. 146 DEL 2006 – COMPATIBILITA' – CONDIZIONI

DELITTI CONTRO L'ORDINE PUBBLICO – ASSOCIAZIONE A DELINQUERE – AGGRAVANTE DELLA TRANSNAZIONALITA' DI CUI ALL'ART. 4 DELLA L. N. 146 DEL 2006 – COMPATIBILITA' – CONDIZIONI
Le Sezioni Unite, nel risolvere il contrasto in proposito insorto nella giurisprudenza di legittimità, hanno stabilito che la speciale aggravante dell'art. 4 della legge 16 marzo 2006, n. 146 è applicabile al reato associativo, sempreché il gruppo criminale organizzato transnazionale non coincida con l'associazione stessa. Il Supremo Collegio ha anche precisato che la nozione di gruppo criminale organizzato va mutuata dai punti a) e c) dell'art. 2 della Convenzione ONU di Palermo del 15 novembre 2000, contro il crimine organizzato ed intesa come richiedente una certa stabilità di rapporti fra i soggetti che ne fanno parte, un minimo di organizzazione senza formale definizione di ruoli, la non occasionalità od estemporaneità della stessa, la costituzione in vista anche di un solo reato e per il conseguimento di un vantaggio finanziario o di altro vantaggio materiale.
 
Testo Completo: Sentenza n. 18374 del 31 gennaio 2013 - depositata il 23 aprile 2013(Sezioni Unite Penali, Presidente E. Lupo, Relatore P.A. Bruno)

PROCESSO PENALE - DIBATTIMENTO - OMESSA CITAZIONE DI TESTIMONI - DECADENZA

PROCESSO PENALE - DIBATTIMENTO - OMESSA CITAZIONE DI TESTIMONI - DECADENZA
La II sezione penale della Corte di cassazione ha affermato che il termine stabilito dal giudice per la citazione dei testimoni (nonché di periti e consulenti tecnici e delle persone indicate dall'art. 210 c.p.p.) ai sensi dell'art. 468, comma 2, c.p.p. è inserito in una sequenza procedimentale che non ammette ritardi o rinvii dovuti alla mera negligenza delle parti (se non, in via del tutto eccezionale, per caso fortuito o forza maggiore), ed ha, pertanto, natura perentoria; ne consegue che, ove la parte non effettui la citazione dei testimoni dei quali intende chiedere l'ammissione entro il predetto termine, decade dal diritto di assumerne la testimonianza.

Sentenza n. 14439 del 27 febbraio 2013 - pubblicata il 27 marzo 2013
(Seconda Sezione Penale, Presidente C. Petti, Relatore G. Rago)

SENTENZA - RICONOSCIMENTO DI SENTENZA STRANIERA NON MOTIVATA - POSSIBILITA'

SENTENZA - RICONOSCIMENTO DI SENTENZA STRANIERA NON MOTIVATA - POSSIBILITA'
La II sezione penale della Corte di cassazione ha affermato che non è contraria ai principi fondamentali dell'ordinamento giuridico italiano, e può quindi essere riconosciuta, agli effetti di cui all'art. 12, comma 1, nn. 1 e 4 c.p., la sentenza straniera che sia priva di motivazione per effetto dell'espressa rinuncia dell'imputato al diritto di ottenere l'esposizione scritta delle ragioni della decisione (nella specie, la sentenza era stata emessa dalla Corte di assise correzionale di Lugano).
Sentenza n. 14440 del 19 dicembre 2012 - pubblicata il 27 marzo 2013
(Seconda Sezione Penale, Presidente C. Petti, Relatore G. Ariolli)

REATO – ELEMENTO PSICOLOGICO – COLPA – COLPA PROFESSIONALE MEDICA – ART. 3 LEGGE 8 NOVEMBRE 2012, N. 189 - CONSEGUENZE - "ABOLITIO CRIMINIS" PARZIALE La IV sezione penale della Corte di cassazione ha ritenuto che l’art. 3 della legge 8 novembre 2012, n. 189 (a norma del quale "L’esercente le professioni sanitarie che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’art. 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo") abbia determinato la parziale abrogazione delle fattispecie colpose commesse dagli esercenti le professioni sanitarie. Si è, infatti, ritenuto che la predetta modifica normativa esclude la rilevanza penale delle condotte connotate da colpa lieve, che si collochino all’interno dell’area segnata da li

REATO – ELEMENTO PSICOLOGICO – COLPA – COLPA PROFESSIONALE MEDICA – ART. 3 LEGGE 8 NOVEMBRE 2012, N. 189 - CONSEGUENZE - "ABOLITIO CRIMINIS" PARZIALE
La IV sezione penale della Corte di cassazione ha ritenuto che l'art. 3 della legge 8 novembre 2012, n. 189 (a norma del quale "L'esercente le professioni sanitarie che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l'obbligo di cui all'art. 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo") abbia determinato la parziale abrogazione delle fattispecie colpose commesse dagli esercenti le professioni sanitarie. Si è, infatti, ritenuto che la predetta modifica normativa esclude la rilevanza penale delle condotte connotate da colpa lieve, che si collochino all'interno dell'area segnata da linee guida o da virtuose pratiche mediche, purché esse siano accreditate dalla comunità scientifica. In applicazione del principio, è stata annullata con rinvio la condanna per omicidio colposo nei confronti di un medico chirurgo che, nell'esecuzione di un intervento di ernia discale recidivante, aveva leso vasi sanguigni con conseguente emorragia letale: ai fini dell'eventuale applicazione della norma sopravvenuta favorevole, ex art. 2, comma 2, c.p., è stato, infatti, chiesto al giudice di merito di riesaminare il caso per determinare (a) se esistano linee guida o pratiche mediche accreditate afferenti all'esecuzione dell'atto chirurgico in questione; (b) se l'intervento eseguito si sia mosso entro i confini segnati da tali direttive e, nel caso affermativo, se nell'esecuzione dell'atto chirurgico vi sia stata colpa lieve o grave. Si tratta, è bene evidenziarlo, di una mera notizia di decisione, cui seguirà il deposito delle motivazioni.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 16237 del 29 gennaio 2013 - depositata il 9 aprile 2013

(Quarta Sezione Penale, Presidente C. Brusco, Relatore R. Blaiotta)

RECIDIVA - CONTESTAZIONE GENERICA - CONCORSO DI CIRCOSTANZE ATTENUANTI - PREVALENZA DI QUESTE ULTIME - POSSIBILITA' - SUSSISTENZA La Prima sezione penale ha ritenuto che la generica contestazione della recidiva di cui all’art. 99 cod. pen. a persona imputata di omicidio consumato osta all’applicazione dell’aumento obbligatorio previsto dalla medesima disposizione, non precisando a quale tipo di recidiva esso vada correlato, e non inibisce, nel concorso di circostanze attenuanti, il giudizio di prevalenza di queste ultime, escluso, ai sensi dell’art. 69 comma quarto cod. pen., solo nei casi di recidiva reiterata di cui all’art. 99 comma quarto. Testo Completo: Sentenza n. 16606 del 9 novembre 2012, depositata il 12 aprile 2013 (Prima Sezione Penale, Presidente U. Giordano, Relatore A. P. Mazzei)

RECIDIVA - CONTESTAZIONE GENERICA - CONCORSO DI CIRCOSTANZE ATTENUANTI - PREVALENZA DI QUESTE ULTIME - POSSIBILITA' - SUSSISTENZA
La Prima sezione penale ha ritenuto che la generica contestazione della recidiva di cui all'art. 99 cod. pen. a persona imputata di omicidio consumato osta all'applicazione dell'aumento obbligatorio previsto dalla medesima disposizione, non precisando a quale tipo di recidiva esso vada correlato, e non inibisce, nel concorso di circostanze attenuanti, il giudizio di prevalenza di queste ultime, escluso, ai sensi dell'art. 69 comma quarto cod. pen., solo nei casi di recidiva reiterata di cui all'art. 99 comma quarto.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 16606 del 9 novembre 2012, depositata il 12 aprile 2013

(Prima Sezione Penale, Presidente U. Giordano, Relatore A. P. Mazzei)

PROVE - PERIZIA GRAFICA - SCRITTURE DI COMPARAZIONE - RACCOLTA - GARANZIE DIFENSIVE - ESCLUSIONE La Seconda sezione penale ha affermato che la raccolta di saggi grafici da sottoporre al perito quali scritture di comparazione disposta dal giudice senza avviso alle parti ed in mancanza dell’intervento dei difensori, non può essere ritenuta atto nullo, né può reputarsi nulla la perizia grafica eseguita in base ai saggi così raccolti. Testo Completo: Sentenza n. 16400 del 7 marzo 2013, depositata l’11 aprile 2013 (Seconda Sezione Penale, Presidente G. Casucci, Relatore P. Davigo)

PROVE - PERIZIA GRAFICA - SCRITTURE DI COMPARAZIONE - RACCOLTA - GARANZIE DIFENSIVE - ESCLUSIONE
La Seconda sezione penale ha affermato che la raccolta di saggi grafici da sottoporre al perito quali scritture di comparazione disposta dal giudice senza avviso alle parti ed in mancanza dell'intervento dei difensori, non può essere ritenuta atto nullo, né può reputarsi nulla la perizia grafica eseguita in base ai saggi così raccolti.
 
Testo Completo: Sentenza n. 16400 del 7 marzo 2013, depositata l'11 aprile 2013
 
 
(Seconda Sezione Penale, Presidente G. Casucci, Relatore P. Davigo)

DELITTI CONTRO L’AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA – APPARTENTE ALLA POLIZIA DI STATO – CONOSCENZA DELLA COMMISSIONE DI UN REATO – OMESSA DENUNCIA – REATO CONFIGURABILE L’appartenente alla polizia di Stato che, al di fuori del servizio, viene a conoscenza della commissione di un reato e omette la denuncia risponde del delitto di cui all’art. 361 cod. pen. e non di favoreggiamento personale. Testo Completo: Sentenza n. 15923 udienza del 5 marzo 2013 – depositata il 5 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore P. Di Stefano)

DELITTI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA – APPARTENTE ALLA POLIZIA DI STATO – CONOSCENZA DELLA COMMISSIONE DI UN REATO – OMESSA DENUNCIA – REATO CONFIGURABILE
L'appartenente alla polizia di Stato che, al di fuori del servizio, viene a conoscenza della commissione di un reato e omette la denuncia risponde del delitto di cui all'art. 361 cod. pen. e non di favoreggiamento personale.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 15923 udienza del 5 marzo 2013 – depositata il 5 aprile 2013

(Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore P. Di Stefano)

MISURE CAUTELARI – CONCORSO FRA MISURA CAUTELARE DEGLI ARRESTI DOMICILIARI ED AFFIDAMENTO IN PROVA AL SERVIZIO SOCIALE – PREVALENZA DELLA MISURA CAUTELARE – CONFIGURABILITA’ Nell’ipotesi in cui nei confronti dello stesso soggetto sia stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari e quella esecutiva dell’affidamento in prova al servizio sociale, prevale la misura cautelare che ha comunque carattere custodiale. Testo Completo: Sentenza n. 15925 udienza del 28 marzo 2013 – depositata il 5 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore G. Paoloni)

MISURE CAUTELARI – CONCORSO FRA MISURA CAUTELARE DEGLI ARRESTI DOMICILIARI ED AFFIDAMENTO IN PROVA AL SERVIZIO SOCIALE – PREVALENZA DELLA MISURA CAUTELARE – CONFIGURABILITA'
Nell'ipotesi in cui nei confronti dello stesso soggetto sia stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari e quella esecutiva dell'affidamento in prova al servizio sociale, prevale la misura cautelare che ha comunque carattere custodiale.
 
Testo Completo: Sentenza n. 15925 udienza del 28 marzo 2013 – depositata il 5 aprile 2013
 

 (Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore G. Paoloni)

DELITTI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA – CONTESTAZIONE DI INFRAZIONE AL CODICE DELLA STRADA – FALSA AFFERMAZIONE DEL CONDUCENTE L'AUTO IL GIORNO SUCCESSIVO DI NON ESSERE L'AUTORE DELL'ILLECITO – CALUNNIA - CONFIGURABILITA'

DELITTI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA – CONTESTAZIONE DI INFRAZIONE AL CODICE DELLA STRADA – FALSA AFFERMAZIONE DEL CONDUCENTE L'AUTO IL GIORNO SUCCESSIVO DI NON ESSERE L'AUTORE DELL'ILLECITO – CALUNNIA - CONFIGURABILITA'
Commette il delitto di calunnia, senza poter invocare la scriminante del diritto di difesa, il soggetto che, avendo ricevuto una contestazione per guida senza patente, il giorno successivo si rechi presso la caserma dei carabinieri asserendo falsamente non essere stato lui alla guida dell'auto.
 
Testo Completo: Sentenza n. 15928 udienza del 28 marzo 2013 – depositata il  5 aprile 2013
(Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore G. Paoloni)

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – PECULATO – CESSIONE DA PARTE DI VIGILI URBANI AD ESTRANEI ALLA PA DELLA PROPRIA RADIOTRASMITTENTE - CONFIGURABILITA' DEL DELITTO

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – PECULATO – CESSIONE DA PARTE DI VIGILI URBANI AD ESTRANEI ALLA PA DELLA PROPRIA RADIOTRASMITTENTE - CONFIGURABILITA' DEL DELITTO
La Sezione VI ha ritenuto integrato il delitto di peculato in un'ipotesi in cui i vigili urbani avevano ceduto le loro radiotrasmittenti, utilizzate per le comunicazioni di servizio, ai titolari di imprese stradali per consentire agli stessi di potersi celermente recarsi sui luoghi in cui erano avvenuti incidenti stradale e lucrare sul recupero dei mezzi coinvolti nei sinistri.
 
Testo Completo: Sentenza n. 16381 udienza del 21 marzo 2013 – depositata il 10 aprile 2013
(Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore A. Capozzi)

UDIENZA PRELIMINARE – PRESENZA DI UNA CAUSA ESTINTIVA DEL REATO – MODIFICA DELLA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO – POSSIBILITA' – ESCLUSIONE

UDIENZA PRELIMINARE – PRESENZA DI UNA CAUSA ESTINTIVA DEL REATO – MODIFICA DELLA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO – POSSIBILITA' – ESCLUSIONE
Il giudice dell'udienza preliminare, in presenza di una causa estintiva del reato (nella specie la prescrizione), non può modificare la qualificazione giuridica dei fatti (in particolare, da corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio a corruzione per atti di ufficio).
 
Testo Completo: Sentenza n. 16386 udienza del 29 gennaio 2013 – depositata il 10 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore F. Ippolito)


Documenti:

DELITTI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA – FAVOREGGIAMENTO PERSONALE – SUGGERIMENTO DEL SACERDOTE AD UNA PROPRIA PARROCCHIANA A NON DENUNCIARE – CONFIGURABILITA'

DELITTI CONTRO L'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA – FAVOREGGIAMENTO PERSONALE – SUGGERIMENTO DEL SACERDOTE AD UNA PROPRIA PARROCCHIANA A NON DENUNCIARE – CONFIGURABILITA'
La VI sezione ha ritenuto integrato il delitto di favoreggiamento personale nel tentativo di un sacerdote di dissuadere una sua parrocchiana dallo sporgere denuncia per una violenza sessuale subita dalla figlia minorenne.
 
Testo Completo: Sentenza n. 16391 udienza del 21 marzo 2013 – depositata 10 aprile 2013 
 
(Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore A. Capozzi)

IMPUGNAZIONI – GIUDIZIO DI APPELLO – PRINCIPI ESPRESSI DALLA CORTE EDU NEL CASO DAN C/ MOLDAVIA – APPLICABILITA' – CONDIZIONI

IMPUGNAZIONI – GIUDIZIO DI APPELLO – PRINCIPI ESPRESSI DALLA CORTE EDU NEL CASO DAN C/ MOLDAVIA – APPLICABILITA' – CONDIZIONI
L'applicazione nel diritto interno dei principi espressi nella sentenza della Corte Edu, III sezione, del 5 luglio 2001, nel caso Dan c/ Moldavia impone al giudice di appello di escutere la fonte testimoniale nel solo caso in cui intende giungere ad un diverso apprezzamento delle dichiarazioni rese.
 
Testo Completo: Sentenza n. 16566 udienza del 26 febbraio 2013 - depositata il 12 aprile 2013
(Sezione Sesta Penale, Presidente F. Serpico, Relatore P. Di Stefano)

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – DELITTO DI INDEBITA INDUZIONE EX ART. 319 QUATER COD PEN - DELITTO DI CONCUSSIONE – ELEMENTI DIFFERENZIALI

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – DELITTO DI INDEBITA INDUZIONE EX ART. 319 QUATER COD PEN - DELITTO DI CONCUSSIONE – ELEMENTI DIFFERENZIALI
La VI sezione ha ritenuto che il discrimen fra le nozioni di costrizione che integra l'elemento oggettivo del delitto di concussione e di induzione, che costituisce l'elemento oggettivo del delitto di indebita induzione, vada individuato non in un connotato di natura psicologica, quale la maggiore o minore valenza coercitiva della condotta dell'agente pubblico, ma in un dato di carattere giuridico e cioè nella conformità o meno al diritto delle conseguenze minacciate.
 
Testo Completo: Sentenza n. 17593 udienza del 14 gennaio 2013 – depositata 17 aprile 2013
(Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore E. Di Salvo)

venerdì 19 aprile 2013

IMPUGNAZIONI CIVILI - APPELLO - ATTO DI APPELLO - AVVERTIMENTO EX ART. 163, COMMA TERZO, N. 7, COD. PROC. CIV. - NECESSITA' - ESCLUSIONE

IMPUGNAZIONI CIVILI - APPELLO - ATTO DI APPELLO - AVVERTIMENTO EX ART. 163, COMMA TERZO, N. 7, COD. PROC. CIV. - NECESSITA' - ESCLUSIONE
Le Sezioni Unite, risolvendo un contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui l'art. 342 cod. proc. civ., nel testo derivante dall'art. 50 della legge n. 353 del 1990 e prima delle modifiche apportate dall'art. 54 d.l. n. 83 del 2012 (conv. nella l. n. 134 del 2012), non richiede anche lo specifico avvertimento prescritto dal terzo comma dell'art. 163, n. 7, cod. proc. civ., per il quale la costituzione del convenuto oltre i termini previsti implica le decadenze di legge nel giudizio di primo grado.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 9407 del 18 aprile 2013(Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore G. Amoroso)

 

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI - DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO - ISTANZA DEL P.M. A SEGUITO DI SEGNALAZIONE DEL TRIBUNALE - AMMISSIBILITA' Le Sezioni Unite, pronunciandosi su questione di massima di particolare importanza, hanno enunciato il principio di diritto secondo cui è legittima la dichiarazione di fallimento intervenuta su istanza del pubblico ministero, inoltrata a seguito di segnalazione compiuta dal tribunale nell’ambito di procedura prefallimentare. Testo Completo: Sentenza n. 9409 del 18 aprile 2013 (Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore C. Piccininni)

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI - DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO - ISTANZA DEL P.M. A SEGUITO DI SEGNALAZIONE DEL TRIBUNALE - AMMISSIBILITA'
Le Sezioni Unite, pronunciandosi su questione di massima di particolare importanza, hanno enunciato il principio di diritto secondo cui è legittima la dichiarazione di fallimento intervenuta su istanza del pubblico ministero, inoltrata a seguito di segnalazione compiuta dal tribunale nell'ambito di procedura prefallimentare.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 9409 del 18 aprile 2013(Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore C. Piccininni)

giovedì 18 aprile 2013

PROCESSO CIVILE - NOTIFICAZIONE A PERSONA GIURIDICA - NOTIFICA A MEZZO POSTA A CONVIVENTE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE

PROCESSO CIVILE - NOTIFICAZIONE A PERSONA GIURIDICA - NOTIFICA A MEZZO POSTA A CONVIVENTE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE
La notificazione a persona giuridica è validamente effettuata a mezzo posta al legale rappresentante della stessa, la cui qualità e residenza siano indicati nell'atto, in caso di consegna a mani di un familiare convivente con il destinatario, dovendo presumersi che l'atto sia giunto a conoscenza dello stesso e restando irrilevante ogni indagine sulla riconducibilità del luogo di detta consegna fra quelli indicati dall'art. 139 cod. proc. civ..
 
Testo Completo:

Sentenza n. 6345 del 13 marzo 2013(Sezione Lavoro, Presidente F. Roselli, Relatore P. Stile)

LAVORO SUBORDINATO - PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - UTILIZZABILITA' DI SCRITTI ANONIMI

LAVORO SUBORDINATO - PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - UTILIZZABILITA' DI SCRITTI ANONIMI
La sentenza si occupa, per la prima volta, della utilizzabilità degli scritti anonimi per la sollecitazione del potere disciplinare.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 6501 del 14 marzo 2013(Sezione Lavoro, Presidente M. La Terza, Relatore A. Manna)

PREVIDENZA - FORME INTEGRATIVE E COMPLEMENTARI DI SICUREZZA SOCIALE - POSIZIONE INDIVIDUALE - DIRITTO ALLA PORTABILITA' E RISCATTO - CONFIGURABILITA'

PREVIDENZA - FORME INTEGRATIVE E COMPLEMENTARI DI SICUREZZA SOCIALE - POSIZIONE INDIVIDUALE - DIRITTO ALLA PORTABILITA' E RISCATTO - CONFIGURABILITA'
La sentenza afferma la configurabilità del diritto alla portabilità e riscatto della posizione individuale anche nell'ambito dei fondi di previdenza complementare c.d. a ripartizione.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 7161 del 21 marzo 2013(Sezione Lavoro, Presidente F. Roselli, Relatore G. Bandini)

RESPONSABILITA' DEL NOTAIO - RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE DEL NOTAIO – OMESSA DISTINTA SOTTOSCRIZIONE DELLA TRADUZIONE ALLEGATA AL ROGITO – ILLECITO DISCIPLINARE – SUSSISTENZA

RESPONSABILITA' DEL NOTAIO - RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE DEL NOTAIO – OMESSA DISTINTA SOTTOSCRIZIONE DELLA TRADUZIONE ALLEGATA AL ROGITO – ILLECITO DISCIPLINARE – SUSSISTENZA
Commette un illecito disciplinare – sanzionabile con l'ammenda ex art. 137 della legge notarile, ma non con la sospensione ex art. 138 – il notaio che, rogando un atto in italiano, tradotto in lingua straniera ai sensi dell'art. 55 della legge notarile, non assicuri la sottoscrizione tanto dell'originale, quanto della traduzione, essendo insufficiente un'unica sottoscrizione, ancorché posta in calce alle due parti tra loro susseguenti.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 9177 del 16 aprile 2013

(Sezione Seconda Civile, Presidente L. A. Rovelli, Estensore P. D'Ascola)

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – MODIFICHE INTRODOTTE DALLA LEGGE N. 190 DEL 2012 – DELITTO DI INDUZIONE EX ART. 319 QUATER COD. PEN. - NATURA DI REATO BILATERALE – ESCLUSIONE - CONDOTTA DEL REATO – INDICAZIONE

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – MODIFICHE INTRODOTTE DALLA LEGGE N. 190 DEL 2012 – DELITTO DI INDUZIONE EX ART. 319 QUATER COD. PEN. - NATURA DI REATO BILATERALE – ESCLUSIONE - CONDOTTA DEL REATO – INDICAZIONE
La VI sezione della Suprema Corte ha ritenuto che la nuova fattispecie di induzione, punita dall'art. 319 quater cod. pen., pur facendo riferimento alla condotta di due soggetti, non integra propriamente un reato bilaterale, come nel caso della corruzione, perché le due condotte del soggetto pubblico e del privato si perfezionano autonomamente; ha, altresì, precisato che l'induzione è integrata da un'attività di suggestione, di persuasione o di pressione morale, posta in essere da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio nei confronti del privato, che, avvertibile come illecita da quest'ultimo, non ne condiziona, però, gravemente la libertà di autodeterminazione, rendendo a lui possibile di non accedere alla pretesa del soggetto pubblico.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 17285 dell' 11 gennaio 2013 – depositata il 15 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore G. Conti)

mercoledì 17 aprile 2013

SPESE GIUDIZIALI IN MATERIA PENALE - REMISSIONE DEL DEBITO AI SENSI DELL'ART. 6 D.P.R. N. 115 DEL 2002 - APPLICABILITA' AL PROCEDIMENTO DI PREVENZIONE - ESCLUSIONE

SPESE GIUDIZIALI IN MATERIA PENALE - REMISSIONE DEL DEBITO AI SENSI DELL'ART. 6 D.P.R. N. 115 DEL 2002 - APPLICABILITA' AL PROCEDIMENTO DI PREVENZIONE - ESCLUSIONE
La Prima sezione della Corte di Cassazione ha ritenuto che la remissione del debito disciplinata dall'art. 6 d.P.R. n.115 del 2002, non riguarda le spese processuali eventualmente poste a carico del terzo interessato nel procedimento di prevenzione, riferendosi tale disposizione soltanto alle spese relative al processo penale.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 15665 del 16 gennaio 2013 - depositata il 4 aprile 2013(Sezione Prima Penale, Presidente U. Zampetti, Relatore L. La Posta)

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – SOLLECITAZIONE DEL PUBBLICO UFFICIALE O DELL’INCARICO DI PUBBLICO SERVIZIO A DARE O PROMETTERE DENARO - DELITTO CONFIGURABILE – INDICAZIONE

REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – SOLLECITAZIONE DEL PUBBLICO UFFICIALE O DELL'INCARICO DI PUBBLICO SERVIZIO A DARE O PROMETTERE DENARO - DELITTO CONFIGURABILE – INDICAZIONE
La VI sezione ha ritenuto che la sollecitazione del pubblico ufficiale o dell'incaricato di pubblico servizio rivolta al privato a dare o promettere denaro o altra utilità, pure se espressa con la prospettazione di evitare un pregiudizio derivante dall'applicazione della legge, mediante un atto contrario ai doveri di ufficio integra, nel caso sia rifiutata, il delitto di istigazione alla corruzione punito dall'art. 322 cod. pen., o, se accolta, quello di corruzione punito dall'art. 319 cod. pen.; la sollecitazione a dare o promettere il denaro integra, invece, il delitto induzione, punito dall'art. 319 ter cod. pen. quando sia preceduta o accompagnata da uno o più atti che costituiscono estrinsecazione del concreto abuso della qualità o del potere dell'agente pubblico.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 16154 ud. 11 gennaio 2013 – deposito 8 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore D. Carcano)

venerdì 12 aprile 2013

GIUDIZIO PER IL RICONOSCIMENTO DELL’INDENNIZZO EX LEGE N. 89 DEL 2001 - CONCEDIBILITÀ DI NUOVO TERMINE PER LA NOTIFICA DEL RICORSO E DEL PEDISSEQUO DECRETO - QUESTIONE DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA.

GIUDIZIO PER IL RICONOSCIMENTO DELL'INDENNIZZO EX LEGE N. 89 DEL 2001 - CONCEDIBILITÀ DI NUOVO TERMINE PER LA NOTIFICA DEL RICORSO E DEL PEDISSEQUO DECRETO - QUESTIONE DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA.
La Sezione Seconda civile ha rimesso gli atti al Primo Presidente per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della risoluzione della questione, ritenuta di massima di particolare importanza, concernente la possibilità di concedere un nuovo termine per la notificazione del ricorso per equo indennizzo ai sensi della legge n. 89 del 2001, ove il ricorrente non vi abbia provveduto nel termine originariamente assegnatogli con il decreto di fissazione dell'udienza camerale, pure da notificare nel medesimo termine alla controparte, e ciò sia nel caso in cui si prescinda dalla comunicazione, o meno, di detto decreto, sia nel caso in cui lo stesso decreto non sia stato comunicato o lo sia stato irritualmente.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 1490 del 22 gennaio 2013

(Sezione Seconda Civile, Presidente L. A. Rovelli, Relatore A. Scrima)

venerdì 5 aprile 2013

GIUDIZIO – DIBATTIMENTO – RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEL RITO ABBREVIATO – UTILIZZAZIONE DELLE PROVE ASSUNTE NEL CONTRADDITTORIO – LEGITTIMITA’

GIUDIZIO – DIBATTIMENTO – RICONOSCIMENTO DELLA RIDUZIONE DEL RITO ABBREVIATO – UTILIZZAZIONE DELLE PROVE ASSUNTE NEL CONTRADDITTORIO – LEGITTIMITA'
La VI sezione della Corte ha ritenuto che è legittima l'utilizzazione delle prove assunte nel giudizio ordinario, nel rispetto del principio del contraddittorio, nel caso in cui il giudice di primo grado o di appello, all'esito del dibattimento, riconosca all'imputato il diritto ad ottenere la riduzione della pena per essere stato dal Gup erroneamente dichiarata inammissibile la richiesta di abbreviato.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 14454 del 15 marzo 2013 – depositata il  27 marzo 2013

(Sezione Sesta Penale, Presidente S. Agrò, Relatore E. Aprile)

PREVIDENZA (ASSICURAZIONI SOCIALI) - CASSE DI MUTUALITÀ E FONDI PREVIDENZIALI - FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA -

PREVIDENZA (ASSICURAZIONI SOCIALI) - CASSE DI MUTUALITÀ E FONDI PREVIDENZIALI - FONDI SPECIALI DI PREVIDENZA -
FONDO VOLO - NORMA DI INTERPRETAZIONE AUTENTICA - INTERPRETAZIONE - AMBITO DI APPLICAZIONE - COEFFICIENTI DI CAPITALIZZAZIONE - INDIVIDUAZIONE - QUESTIONE DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA
La Sezione lavoro ha rimesso nuovamente al Primo Presidente, per l'eventuale assegnazione alle S.U., la questione concernente l'ambito di applicabilità dell'art. 2, comma 503, legge n. 244 del 2007 e, in ispecie, se la disposizione si riferisca anche ai coefficienti di capitalizzazione approvati dal Comitato di vigilanza del Fondo volo con deliberazione dell'8 marzo 1988 (per i trattamenti pensionistici con decorrenza dall'1.1.1980) ovvero solo ai coefficienti di capitalizzazione della quota di pensione spettante agli iscritti al Fondo approvati dal Consiglio di Amministrazione dell'INPS con deliberazione n. 302 del 4 agosto 2005, nonché, in quest'ultima evenienza, se i "coefficienti di capitalizzazione in uso" di cui all'art. 34 della legge n. 859 del 1965 siano quelli previsti per il calcolo della riserva matematica di cui alla legge n. 1338 del 1962, art. 13, comma 6, ovvero quelli previsti delle tabelle allegate al R.D. 9 ottobre 1922, n. 1403, recante le tariffe per la costituzione delle rendite vitalizie immediate e differite
 
Testo Completo:

Ordinanza interlocutoria n. 1847 del 28 gennaio 2013
 
(Quarta Sezione Lavoro, Presidente F. Miani Canevari, Relatore G. Amoroso)

PROCREAZIONE E INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA - DIRITTO DI OBIEZIONE DI COSCIENZA DEL MEDICO

PROCREAZIONE E INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA - DIRITTO DI OBIEZIONE DI COSCIENZA DEL MEDICO
– LIMITI – ATTIVITA' DIVERSA DA QUELLA DIRETTA ALL'INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA – RIFIUTO – REATO DI OMISSIONE DI ATTI DI UFFICIO – CONFIGURABILITA'
La Corte ha affermato che, in tema di interruzione volontaria di gravidanza, il diritto di obiezione di coscienza del medico è tutelato entro lo stretto limite delle attività dirette a causare l'aborto e che, quindi, integra il reato di omissione di atti di ufficio il rifiuto del sanitario di prestare assistenza nelle fasi 'conseguenti' all'intervento. (Fattispecie relativa a mancata assistenza successiva ad aborto indotto per via farmacologica).
 
Testo Completo:

Sentenza n. 14979 del 27 novembre 2012 - depositata il 2 aprile 2013

(Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore G. Fidelbo)

SENTENZA - MANCANZA DI FIRMA DA PARTE DEL PRESIDENTE NON GIUSTIFICATA - NULLITA' RELATIVA - SUSSISTENZA - CONSEGUENZE PROCESSUALI

SENTENZA - MANCANZA DI FIRMA DA PARTE DEL PRESIDENTE NON GIUSTIFICATA - NULLITA' RELATIVA - SUSSISTENZA - CONSEGUENZE PROCESSUALI
Le Sezioni Unite hanno affermato che la mancata sottoscrizione della sentenza d'appello da parte del presidente del collegio configura una nullità relativa che comporta l'annullamento senza rinvio da parte della Corte di Cassazione e la restituzione degli atti affinchè si provveda alla sanatoria mediante redazione della sentenza. In tal caso il processo deve regredire nella fase del grado di appello successiva alla deliberazione ed il collegio deve redigere nuova sentenza, che, sottoscritta dal presidente e dall'estensore, va nuovamente depositata, sicchè dalla notificazione e comunicazione dell'avviso di deposito ridecorrono i termini di impugnazione ex art. 585 cod. proc. pen..
 
Testo Completo:

Sentenza n. 14978 del 20 dicembre 2012 - depositata il 29 marzo 2013

(Sezioni Unite Penali, Presidente E. Lupo, Relatore A. Fiale)

martedì 2 aprile 2013

STRANIERI - SRANIERO REGOLARMENTE SOGGIORNANTE – CAPACITÀ ALL’ACQUISTO DELL’ABITAZIONE – CONDIZIONE DI RECIPROCITÀ – IRRILEVANZA

STRANIERI - SRANIERO REGOLARMENTE SOGGIORNANTE – CAPACITÀ ALL'ACQUISTO DELL'ABITAZIONE – CONDIZIONE DI RECIPROCITÀ – IRRILEVANZA
Lo straniero, titolare del permesso di soggiorno, ha la capacità negoziale per l'acquisto dell'immobile da destinare a propria abitazione, senza che rilevi la condizione di reciprocità di cui all'art. 16 delle preleggi.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 7210 del 21 marzo 2013

(Sezione Seconda Civile, Presidente M. Oddo, Estensore A. Giusti)

PROCEDIMENTO CIVILE - RICHIESTA DI INFORMAZIONI ALLA P.A. EX ART. 213 C.P.C. - UTILIZZABILITA' PER ACQUISIRE DOCUMENTI CUI LE PARTI HANNO DIRITTO DI ACCEDERE

PROCEDIMENTO CIVILE - RICHIESTA DI INFORMAZIONI ALLA P.A. EX ART. 213 C.P.C. - UTILIZZABILITA' PER ACQUISIRE DOCUMENTI CUI LE PARTI HANNO DIRITTO DI ACCEDERE
ESCLUSIONE - CONSEGUENZE - RAPPORTI DI SINISTRI STRADALI REDATTI DALLE FORZE DI POLIZIA - ACQUISIBILITA' AI SENSI DELLA SUDDETTA NORMA - ESCLUSIONE
Con una importante decisione (la prima espressamente pronunciata sul punto), la Corte di cassazione ha stabilito che l'art. 213 cod. proc. civ., il quale consente al giudice di richiedere atti ed informazioni alla pubblica amministrazione, non può essere utilizzato come uno strumento per sollevare le parti dall'onere probatorio su di esse incombente e che, pertanto, le parti stesse non possono sollecitare l'esercizio, da parte del giudice, di tale potere officioso per acquisire documenti che potevano ottenere direttamente dall'amministrazione. Da questo principio generale, si fa discendere l'importante corollario che, nel caso di controversie risarcitorie scaturenti da sinistri stradali, le parti non possono pretendere che sia il giudice a disporre l'acquisizione d'ufficio, ai sensi della menzionata disposizione, del rapporto eventualmente redatto in occasione del sinistro dalle forze di polizia, giacché tale documento può essere direttamente acquisito dalle parti, giusta l'espressa previsione in tal senso dell'art. 11 cod. strad..
 
Testo Completo:

Sentenza n. 6101 del 12 marzo 2013

(Sezione Terza Civile, Presidente M. Finocchiaro, Relatore G. Carleo)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione