venerdì 12 aprile 2013

GIUDIZIO PER IL RICONOSCIMENTO DELL’INDENNIZZO EX LEGE N. 89 DEL 2001 - CONCEDIBILITÀ DI NUOVO TERMINE PER LA NOTIFICA DEL RICORSO E DEL PEDISSEQUO DECRETO - QUESTIONE DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA.

GIUDIZIO PER IL RICONOSCIMENTO DELL'INDENNIZZO EX LEGE N. 89 DEL 2001 - CONCEDIBILITÀ DI NUOVO TERMINE PER LA NOTIFICA DEL RICORSO E DEL PEDISSEQUO DECRETO - QUESTIONE DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA.
La Sezione Seconda civile ha rimesso gli atti al Primo Presidente per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della risoluzione della questione, ritenuta di massima di particolare importanza, concernente la possibilità di concedere un nuovo termine per la notificazione del ricorso per equo indennizzo ai sensi della legge n. 89 del 2001, ove il ricorrente non vi abbia provveduto nel termine originariamente assegnatogli con il decreto di fissazione dell'udienza camerale, pure da notificare nel medesimo termine alla controparte, e ciò sia nel caso in cui si prescinda dalla comunicazione, o meno, di detto decreto, sia nel caso in cui lo stesso decreto non sia stato comunicato o lo sia stato irritualmente.
 
Testo Completo:

Sentenza n. 1490 del 22 gennaio 2013

(Sezione Seconda Civile, Presidente L. A. Rovelli, Relatore A. Scrima)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione