mercoledì 24 aprile 2013

UDIENZA PRELIMINARE – PRESENZA DI UNA CAUSA ESTINTIVA DEL REATO – MODIFICA DELLA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO – POSSIBILITA' – ESCLUSIONE

UDIENZA PRELIMINARE – PRESENZA DI UNA CAUSA ESTINTIVA DEL REATO – MODIFICA DELLA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL FATTO – POSSIBILITA' – ESCLUSIONE
Il giudice dell'udienza preliminare, in presenza di una causa estintiva del reato (nella specie la prescrizione), non può modificare la qualificazione giuridica dei fatti (in particolare, da corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio a corruzione per atti di ufficio).
 
Testo Completo: Sentenza n. 16386 udienza del 29 gennaio 2013 – depositata il 10 aprile 2013 (Sezione Sesta Penale, Presidente A. Agrò, Relatore F. Ippolito)


Documenti:

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione