venerdì 4 aprile 2014

SICUREZZA PUBBLICA - IN GENERE - MANIFESTAZIONI SPORTIVE - INCITAMENTO ALL'ODIO E ALLA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE - PROVVEDIMENTI DEL QUESTORE

SICUREZZA PUBBLICA - IN GENERE - MANIFESTAZIONI SPORTIVE - INCITAMENTO ALL'ODIO E ALLA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE - PROVVEDIMENTI DEL QUESTORE
La Terza sezione ha dichiarato la legittimità del divieto di accesso agli impianti sportivi, con concomitante obbligo di presentazione agli uffici di polizia, imposto nei confronti di soggetti responsabili di aver rivolto nei confronti di giocatori di colore versi di disapprovazione, ritenendo che tale condotta, lungi dal costituire una forma di manifestazione, sia pure incivile, di dissenso o di critica, presenta evidenti connotati di carattere razzista, trovando radice soltanto nello spirito di odio ed avendo quale unico fine quello di ghettizzare determinate persone in ragione del colore della pelle.

Sentenza n. 12351 del 2 ottobre 2013 - depositata il  17 marzo 2014
(Sezione Terza Penale, Presidente  S. F. Mannino, Relatore  R. Grillo)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione