lunedì 30 settembre 2013

REATI CONTO IL PATRIMONIO - FURTO IN SUPERMERCATO – OCCULTAMENTO DELLA MERCE PRELEVATA ALL’INTERNO DI UNA BORSA O SULLA PERSONA DELL’AGENTE – SUSSISTENZA DELL’AGGRAVANTE DEL MEZZO FRAUDOLENTO – ESCLUSIONE.

REATI CONTO IL PATRIMONIO - FURTO IN SUPERMERCATO – OCCULTAMENTO DELLA MERCE PRELEVATA ALL’INTERNO DI UNA BORSA O SULLA PERSONA DELL’AGENTE – SUSSISTENZA DELL’AGGRAVANTE DEL MEZZO FRAUDOLENTO – ESCLUSIONE.
Le Sezioni Unite, risolvendo un contrasto di giurisprudenza, hanno stabilito che ricorre l’ipotesi del furto semplice nel caso in cui l’agente occulti sulla sua persona, ovvero in una borsa, la merce prelevata dagli scaffali di un esercizio commerciale nel quale si pratichi la vendita self service e superi la cassa senza pagare, escludendo la sussistenza dell’aggravante dell’uso del mezzo fraudolento.
 
Testo Completo:

 (Sezioni Unite Penali, Presidente G. Santacroce, Relatore R. Blaiotta)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione