venerdì 7 agosto 2009

INTERCETTAZIONI TELEFONICHE – INUTILIZZABILITÀ – DISTRUZIONE – COMPETENZA A PROVVEDERE – TEMPI DI ESECUZIONE
Il giudice che dichiara, quale che sia lo stato o il grado, l’inutilizzabilità dei risultati delle intercettazioni deve disporre la distruzione della relativa documentazione e tale decisione deve essere eseguita solo dopo che sia divenuta irrevocabile.

Testo Completo:
Sentenza n. 25590 del 7 luglio 2009 - depositata il 18 giugno 2009(Sezione Seconda Penale, Presidente F. Pagano, Relatore G. Rago)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione