venerdì 31 maggio 2013

LEGITTIMO IMPEDIMENTO – ASTENSIONE DALLE UDIENZE – PROCEDIMENTI “DE LIBERTATE” – ESCLUSIONE.

LEGITTIMO IMPEDIMENTO – ASTENSIONE DALLE UDIENZE – PROCEDIMENTI “DE LIBERTATE” – ESCLUSIONE.
Le Sezioni Unite hanno affermato che l’astensione dalle udienze da parte del difensore, che aderisca ad una protesta di categoria, non è consentita nei procedimenti “de libertate”, in quanto l’art. 4 del Codice di “Autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli avvocati”, adottato il 4 aprile 2007 e ritenuto idoneo dalla Commissione di garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi essenziali con delibera del 13 dicembre 2007, avente valore di normativa secondaria, esclude espressamente che l’astensione possa riguardare le udienze penali “afferenti misure cautelari”. (In applicazione di tale principio è stata rigettata l’istanza di rinvio avanzata dal difensore dell’imputato nel giudizio di cassazione proposto ai sensi dell’art. 311 c.p.p.).
 
Testo Completo:
(Sezioni Unite Penali, Presidente G. Santacroce, Relatore V. Romis)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione