martedì 4 dicembre 2012

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE - SOPRAVVENUTO ACCERTAMENTO, DOPO LA VENDITA, DELL'INESISTENZA DEL TITOLO POSTO A BASE DELL'ESECUZIONE - IDONEITA' AD INCIDERE SULL'AVVENUTA AGGIUDICAZIONE - CONDIZIONI - CONSEGUENZE

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE - SOPRAVVENUTO ACCERTAMENTO, DOPO LA VENDITA, DELL'INESISTENZA DEL TITOLO POSTO A BASE DELL'ESECUZIONE - IDONEITA' AD INCIDERE SULL'AVVENUTA AGGIUDICAZIONE - CONDIZIONI - CONSEGUENZE
Le Sezioni Unite, pronunciando a norma dell’art. 363, terzo comma, cod. proc. civ. su questione di particolare importanza, a composizione di contrasto di giurisprudenza hanno affermato il seguente principio di diritto: “Il sopravvenuto accertamento dell’inesistenza di un titolo idoneo a giustificare l’esercizio dell’azione esecutiva non fa venir meno l’acquisto dell’immobile pignorato, che sia stato compiuto dal terzo nel corso della procedura espropriativa in conformità alle regole che disciplinano lo svolgimento di tale procedura, salvo che sia dimostrata la collusione del terzo col creditore procedente, fermo peraltro restando il diritto dell’esecutato di far proprio il ricavato della vendita e di agire per il risarcimento dell’eventuale danno nei confronti di chi, agendo senza la normale prudenza, abbia dato corso al procedimento esecutivo in difetto di un titolo idoneo”.

Sentenza n. 21110 del 28 novembre 2012
(Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore R. Rordorf)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione