lunedì 5 novembre 2012

LOCAZIONE - IMMOBILE SOGGETTO A PROCEDURA DI ESPROPRIAZIONE - LETTERA DEL CONDUTTORE CHE INVITA IL LOCATORE AD ATTIVARSI PER SCONGIURARE LA VENDITA - NATURA DI ATTO DI CONVALIDA - ESCLUSIONE

LOCAZIONE - IMMOBILE SOGGETTO A PROCEDURA DI ESPROPRIAZIONE - LETTERA DEL CONDUTTORE CHE INVITA IL LOCATORE AD ATTIVARSI PER SCONGIURARE LA VENDITA - NATURA DI ATTO DI CONVALIDA - ESCLUSIONE
L’istituto della convalida tacita, di cui all’art. 1444, secondo comma, cod. civ., non è configurabile in relazione alla richiesta formulata dal conduttore al locatore di un immobile, con la quale quest’ultimo sia stato invitato ad attivarsi per evitare la vendita forzata del bene oggetto del contratto (nella specie, il conduttore aveva smesso di pagare il canone una volta venuto a sapere della pendenza della procedura espropriativa, in tal modo mostrando di non avere intenzione di dare volontaria esecuzione al contratto annullabile).
Testo Completo: Sentenza n. 18502 del 26 ottobre 2012(Terza Sezione Civile, Presidente F. Trifone, Relatore A. Amatucci).

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione