domenica 17 aprile 2011

REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA - FALSITA' IN CERTIFICATI - RICETTARIO DI MEDICO CONVENZIONATO CON IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - FALSITA' IDEOLOGICA - CONCORSO CON IL DELITTO DI ABUSIVO ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE MEDICA

REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA - FALSITA' IN CERTIFICATI - RICETTARIO DI MEDICO CONVENZIONATO CON IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - FALSITA' IDEOLOGICA - CONCORSO CON IL DELITTO DI ABUSIVO ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE MEDICA
Integra il reato di falsità ideologica in certificazioni amministrative (art. 480 cod. pen.) e quello di abusivo esercizio della professione medica (art. 348 cod. pen.) l’operazione di riempimento, da parte del titolare di una farmacia, di ricettari di prescrizioni mediche intestati ad un medico convenzionato con il servizio sanitario nazionale, e dallo stesso già sottoscritti e timbrati in ogni foglio lasciato in bianco. (Fattispecie in cui dei farmacisti, sostituendosi sistematicamente al medico di base, che aveva loro consegnato dei moduli regionali in bianco, avevano essi stessi prescritto ai pazienti la relativa terapia farmacologica).

Testo Completo: Sentenza n. 13315 dell'8 febbraio 2011 - depositata il 31 marzo 2011

(Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore E. Calvanese)


Condividi

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione