domenica 17 aprile 2011

GIURISDIZIONE ORDINARIA E AMMINISTRATIVA - LIMITI - AFFIDAMENTO DI UN PUBBLICO SERVIZIO - PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO - LESIONE DELL'AFFIDAMENTO - DIRITTI SOGGETTIVI - GIURISDIZIONE ORDINARIA

GIURISDIZIONE ORDINARIA E AMMINISTRATIVA - LIMITI - AFFIDAMENTO DI UN PUBBLICO SERVIZIO - PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO - LESIONE DELL'AFFIDAMENTO - DIRITTI SOGGETTIVI - GIURISDIZIONE ORDINARIA

La controversia avente ad oggetto la domanda autonoma di risarcimento danni proposta da colui che, avendo ottenuto l'aggiudicazione in una gara per l'affidamento di un pubblico servizio, successivamente annullata dal Tar perché illegittima su ricorso di un altro concorrente, deduca la lesione dell'affidamento ingenerato dal provvedimento di aggiudicazione apparentemente legittimo, rientra nella giurisdizione del giudice ordinario, non essendo chiesto in giudizio l'accertamento della illegittimità dell'aggiudicazione (che, semmai, la parte aveva interesse a contrastare nel giudizio amministrativo promosso dal concorrente) e, quindi, non rimproverandosi alla P.A. l'esercizio illegittimo di un potere consumato nei suoi confronti, ma la colpa consistita nell'averlo indotto a sostenere spese nel ragionevole convincimento della prosecuzione del rapporto fino alla scadenza del termine previsto dal contratto stipulato a seguito della gara.

Ordinanza n. 6596 del 23 marzo 2011

(Sezioni Unite Civili, Presidente P. Vittoria, Relatore F. Tirelli)

Condividi

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione