domenica 17 aprile 2011

DANNI CIVILI – DANNO NON PATRIMONIALE - RISARCIMENTO DEL C.D. DANNO "CATASTROFALE" - CONDIZIONI

DANNI CIVILI – DANNO NON PATRIMONIALE - RISARCIMENTO DEL C.D. DANNO "CATASTROFALE" - CONDIZIONI
Il risarcimento del c.d. danno “catastrofale” – ossia del danno patito dalla persona che lucidamente assiste allo spegnersi della propria vita – può essere riconosciuto agli eredi, a titolo di danno morale, solo a condizione che sia entrato a far parte del patrimonio della vittima al momento della morte. Perciò, in assenza di prova della sussistenza di uno stato di coscienza nel breve intervallo tra il sinistro e la morte, la lesione del diritto alla vita non è suscettibile di risarcimento e ai congiunti spetta il solo risarcimento conseguente alla lesione della possibilità di godere del rapporto parentale con la persona defunta.

Testo Completo: Sentenza n. 6754 del 24 marzo 2011.

(Sezione Terza Civile, Presidente R. Preden – Relatore A. Amatucci).


Condividi

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione