mercoledì 27 maggio 2009

DONAZIONE - DI COSA ALTRUI - NULLITA' - SUSSISTENZA - TITOLO IDONEO ALL'USUCAPIONE ABBREVIATA - POSSIBILITA' - LIMITI

DONAZIONE - DI COSA ALTRUI - NULLITA' - SUSSISTENZA - TITOLO IDONEO ALL'USUCAPIONE ABBREVIATA - POSSIBILITA' - LIMITI
La donazione dispositiva di un bene altrui, benché non espressamente disciplinata, deve ritenersi nulla alla luce della disciplina complessiva della donazione e, in particolare, dell'art. 771 cod. civ., poiché il divieto di donazione di beni futuri ricomprende tutti gli atti perfezionatisi prima che il loro oggetto entri a comporre il patrimonio del donante; tale donazione, tuttavia, è idonea ai fini dell'usucapione decennale prevista dall'art. 1159 cod. civ., poiché il requisito richiesto da questa norma va inteso nel senso che il titolo deve essere suscettibile in astratto, e non in concreto, di determinare il trasferimento del diritto reale, ossia tale che l'acquisto del diritto si sarebbe senz'altro verificato se l'alienante ne fosse stato titolare.

Testo Completo:
Sentenza n. 10356 del 5 maggio 2009
(Sezione Seconda Sezione Civile, Presidente Rovelli e Relatore Giusti)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione