venerdì 13 febbraio 2009

COMUNIONE DI GODIMENTO E SOCIETA' - DIFFERENZE - CRITERI

L'elemento discriminante tra comunione a scopo di godimento e società è costituito dallo scopo lucrativo perseguito tramite un'attività imprenditoriale che si sostituisce al mero godimento ed in funzione della quale vengono utilizzati beni comuni; nel caso di comunione d'azienda, ove il godimento di questa si realizzi mediante il diretto sfruttamento della medesima da parte dei partecipanti alla comunione, è configurabile l'esercizio di un'impresa collettiva (nella forma della società regolare oppure della società irregolare o di fatto), non ostandovi l'art. 2248 cod. civ., che assoggetta alle norme degli artt. 1100 e ss. dello stesso codice la comunione costituita o mantenuta al solo scopo di godimento.

Testo Completo:
Sentenza n. 3028 del 6 febbraio 2009(Sezione Seconda Civile, Presidente L. A. Rovelli, Relatore V. Mazzacane)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione