mercoledì 29 maggio 2013

REATI CONTRO L’ORDINE PUBBLICO – ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE – IN GENERE – SCAMBIO ELETTORALE POLITICO-MAFIOSO - PUNIBILITA' ESPRESSA DEL PROMISSARIO E NON DEL PROMITTENTE DI VOTI - CONCORSO DI QUEST'ULTIMO - CONFIGURABILITA'

REATI CONTRO L’ORDINE PUBBLICO – ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE – IN GENERE – SCAMBIO ELETTORALE POLITICO-MAFIOSO - PUNIBILITA' ESPRESSA DEL PROMISSARIO E NON DEL PROMITTENTE DI VOTI - CONCORSO DI QUEST'ULTIMO - CONFIGURABILITA'
La V sezione penale, ha affermato il principio secondo cui concorre nel delitto di scambio elettorale politico-mafioso, di cui all’art. 416 ter cod. pen. ed è sanzionato ex art. 110 cod. pen. il soggetto che, in cambio della erogazione di denaro o di ogni altro bene traducibile in un valore di scambio immediatamente qualificabile in termini economici, prometta ad altri, in occasione di consultazioni elettorali, di procurare voti in suo favore, attraverso la forza di intimidazione del vincolo associativo tipico delle organizzazioni a delinquere di stampo mafioso e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva, di cui all’art. 416 bis cod. pen..
 
Testo Completo:Sentenza n. 23005 del 22 gennaio 2013 - depositata il 28 maggio 2013
(Sezione Quinta Penale, Presidente G. Ferrua, Relatore A. Guardiano)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione