sabato 23 marzo 2013

SOCIETA' - EQUA RIPARAZIONE PER IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO - SOCIETA' DI PERSONE PARTE DEL PROCESSO PRESUPPOSTO

SOCIETA' - EQUA RIPARAZIONE PER IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO - SOCIETA' DI PERSONE PARTE DEL PROCESSO PRESUPPOSTO
- CANCELLAZIONE DELLA SOCIETA' DAL REGISTRO DELLE IMPRESE - LEGITTIMAZIONE DEGLI EX SOCI A DOMANDARE IL RISARCIMENTO DEL DANNO SOFFERTO DALLA SOCIETA' - INSUSSISTENZA
Le Sezioni Unite, risolvendo una questione di massima di particolare importanza, hanno affermato che la cancellazione volontaria dal registro delle imprese di una società esclude la legittimazione dei suoi soci ad agire in giudizio per ottenere l'equa riparazione per irragionevole durata di altro processo, di cui la società sia stata parte, in quanto la scelta di farsi cancellare dal registro delle imprese implica la tacita rinuncia della società al credito in questione, essendo incompatibile con la volontà di pervenire al concreto accertamento e liquidazione del medesimo.
Testo Completo: Sentenza 12 marzo 2013, n. 6072
(Sezioni Unite Civili, Presidente R. Preden, Relatore R. Rordorf)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione