giovedì 18 ottobre 2012

LAVORO AUTONOMO - CONTRATTO D’OPERA - RICONOSCIMENTO DEI VIZI – ART. 1667 C.C. – NON NECESSITÀ DELLA DENUNZIA – APPLICABILITÀ – TERMINE DI PRESCRIZIONE – QUESTIONI DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA

LAVORO AUTONOMO - CONTRATTO D’OPERA - RICONOSCIMENTO DEI VIZI – ART. 1667 C.C. – NON NECESSITÀ DELLA DENUNZIA – APPLICABILITÀ – TERMINE DI PRESCRIZIONE – QUESTIONI DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA
La Sezione Seconda civile ha rimesso gli atti al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, con riguardo alla questione concernente l’applicabilità dell’art. 1667 cod. civ. al contratto d’opera, quanto alla non necessità della denunzia in ipotesi di riconoscimento dei vizi da parte del prestatore, ed all’ulteriore questione del termine di prescrizione in tal caso applicabile (se annuale, ex art. 2226 c.c., ovvero decennale ex art. 2946 c.c.).
Testo Completo: Ordinanza interlocutoria n. 17497 del 12 ottobre 2012(Seconda Sezione Civile, Presidente O. Schettino, Relatore A. Scrima)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione