domenica 29 maggio 2011

DIRITTI REALI – SERVITU’ – FORMA SCRITTA – “SERVITUS INAEDIFICANDI” – DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA – RINUNCIA – CONFIGURABILITA’

DIRITTI REALI – SERVITU’ – FORMA SCRITTA – “SERVITUS INAEDIFICANDI” – DOMANDA DI CONCESSIONE EDILIZIA – RINUNCIA – CONFIGURABILITA’

In tema di rinuncia al diritto di servitù prediale, il requisito della forma scritta previsto dall’art. 1350, n. 5), cod. civ., può essere integrato anche dalla sottoscrizione di atti di tipo diverso, purché contenenti una chiara dimostrazione di volontà incompatibile con il mantenimento del diritto stesso; pertanto, la rinuncia al diritto di “servitus inaedificandi” può essere contenuta nella domanda di concessione edilizia diretta all’esecuzione di opere che, ove compiute, necessariamente determinerebbero il venir meno dell’utilitas dalla quale dipende l’esistenza della servitù stessa.



Testo Completo: Sentenza 12 maggio 2011, n. 10457.



(Sezione Seconda Civile, Presidente L. A. Rovelli, Relatore F. Manna).



Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione