domenica 27 marzo 2011

REATO – CIRCOSTANZA AGGRAVANTE - SEVIZIE O CRUDELTA' VERSO LE PERSONE - ESTENSIBILITA' AL CONCORRENTE "ANOMALO" - ESCLUSIONE

REATO – CIRCOSTANZA AGGRAVANTE - SEVIZIE O CRUDELTA' VERSO LE PERSONE - ESTENSIBILITA' AL CONCORRENTE "ANOMALO" - ESCLUSIONE

Con la decisione in esame la Corte ha affermato che la circostanza aggaravante prevista dall’art. 61, comma primo, n. 4, cod. pen. (l’aver adoperato sevizie o agito con crudeltà verso le persone) non è estensibile al concorrente nel caso di concorso “anomalo” ex art. 116 cod. pen.

Sentenza n. 9883 del 3 dicembre 2010 - depositata l'11 marzo 2011

(Sezione Prima Penale, Presidente S. Chieffi, Relatore M. C. Siotto)

Condividi

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione