mercoledì 21 ottobre 2009

COMPETENZA – CONNESSIONE – REATO PIU’ GRAVE – LUOGO DI COMMISSIONE – INDIVIDUAZIONE – IMPOSSIBILITA’ – CONSEGUENZE

COMPETENZA – CONNESSIONE – REATO PIU’ GRAVE – LUOGO DI COMMISSIONE – INDIVIDUAZIONE – IMPOSSIBILITA’ – CONSEGUENZE
Le Sezioni Unite, chiamate a decidere “se, ai fini della determinazione della competenza per territorio in ordine a reati connessi, debba sempre aversi riguardo alla competenza per il più grave dei reati, da individuare con l'applicazione delle regole generali o con l'eventuale ricorso a quelle suppletive”, hanno affermato che, ove non sia possibile individuare il luogo di commissione del reato più grave applicando i criteri dettati dagli artt. 8 e 9, comma 1, c.p.p., il giudice competente è quello del luogo in cui risulta commesso, in via a mano a mano gradata, il reato successivamente più grave fra gli altri; nei casi in cui risulti impossibile individuare, secondo le predette regole, il luogo di commissione per ciascuno dei reati connessi, la competenza spetta al giudice per il reato più grave individuato in applicazione, in via gradata, dei criteri suppletivi dettati dall’art. 9, commi 2 e 3, c.p.p.

Testo Completo:
Sentenza n. 40537 del 16 luglio 2009 - depositata il 20 ottobre 2009
(Sezioni Unite Penali, Presidente T. Gemelli, Relatore A. Franco)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione