giovedì 2 aprile 2009

REATI CONTRO LA P.A. - RIFIUTO DI ATTI DI UFFICIO - PERICOLO PER LA SALUTE PUBBLICA - OMESSA ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI CONTINGIBILI ED URGENTI

REATI CONTRO LA P.A. - RIFIUTO DI ATTI DI UFFICIO - PERICOLO PER LA SALUTE PUBBLICA - OMESSA ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI CONTINGIBILI ED URGENTI - CONFIGURABILITA'
Integra il reato di rifiuto di atti d’ufficio di cui all’art. 328, comma primo, cod. pen., e non l’illecito amministrativo previsto dall’art. 19, comma quarto, del D.Lgs. 2 febbraio 2001, n. 31, che disciplina la materia della distribuzione di acqua potabile in attuazione della direttiva CEE 98/83 sulla qualità delle acque destinate al consumo umano, la condotta inerte del sindaco di un comune il quale, a fronte di una situazione potenzialmente pregiudizievole per la salute pubblica in relazione all’assenza dei requisiti previsti per la potabilità dell’acqua erogata per il consumo, ometta di adottare, nonostante le ripetute segnalazioni pervenutegli dalle competenti autorità sanitarie, i necessari provvedimenti contingibili ed urgenti volti ad eliminare il rischio del superamento dei parametri stabiliti dalla legislazione speciale in materia.

Testo Completo:
Sentenza n. 12147 del 12 febbraio 2009 - depositata il 19 marzo 2009(Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore L. Matera)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione