giovedì 2 aprile 2009

RAPPORTI GIURISDIZIONALI CON AUTORITA' STRANIERE – M.A.E. - CONSEGNA PER L'ESTERO - RINVIO DELLA CONSEGNA PER MOTIVI DI GIUSTIZIA INTERNA

RAPPORTI GIURISDIZIONALI CON AUTORITA' STRANIERE – M.A.E. - CONSEGNA PER L'ESTERO - RINVIO DELLA CONSEGNA PER MOTIVI DI GIUSTIZIA INTERNA - STATUS CUSTODIAE
La Corte è ritornata sul tema degli effetti della decisione di rinvio della consegna, a norma dell'art. 24 L. 22 aprile 2005 n. 69, sull'esecuzione della misura cautelare applicata alla persona richiesta. La Corte, prendendo atto di differenti soluzioni seguite da precedenti arresti, ha stabilito che si ha revoca della misura cautelare (per poi procedere alla sua riattivazione) quando ricorrono due condizioni: non sia in atto altra misura custodiale (cautelare o esecutiva) per il procedimento nazionale e l’esigenza di giustizia nazionale non sia stata individuata nel fatto materiale della restrizione di libertà in sé. Nei restanti casi, si ha solo sospensione della misura cautelare, in quanto la detenzione si protrae per il titolo nazionale e quando lo stesso dovesse venir meno, la misura sospesa resta in vigore sino al perenzione di dieci giorni di cui all’art. 23 l. cit.

Testo Completo:
Sentenza n. 7107 del 12 febbraio 2009 – depositata il 18 febbraio 2009(Sezione Sesta Penale, Presidente G. De Roberto, Relatore C. Citterio)

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione