lunedì 23 giugno 2008

REATI CONTRO L'ECONOMIA PUBBLICA

REATI CONTRO L'ECONOMIA PUBBLICA - VENDITA DI PRODOTTI INDUSTRIALI CON SEGNI MENDACI - APPARECCHIATURE SANITARIE PRODOTTE ALL'ESTERO - PRESENZA SUL PRODOTTO DELLA DICITURA "FABBRICANTE" RIFERITA A DITTA ITALIANA
Con la decisione in esame la Corte, adita in fase cautelare reale in relazione ad una fattispecie nella quale era contestata l’importazione da paesi dell’Estremo Oriente di apparecchiature sanitarie ivi prodotte ma recanti sulle confezioni per la vendita al pubblico l’indicazione di origine (“fabbricante”) seguita dalla ragione sociale di una ditta italiana, ha affermato che, ai fini della integrazione del reato di cui all’art. 517 cod. pen., ciò che rileva è l’inganno per il consumatore che si configura non tanto per la provenienza geografica dei prodotti, quanto per il fatto che non può essere definito “fabbricante” colui che si limiti a porre in commercio un bene acquistato all’estero da terzi senza aver partecipato al processo di produzione, non rinvenendosi peraltro elementi interpretativi in senso contrario nella disposizione contenuta nell’art. 1, lett. f) del D.Lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 attuativo della direttiva 93/42/CEE concernente i dispositivi medici, decreto operante con esclusivo riferimento alla marcatura CE.

Testo Completo:
Sentenza n. 24100 del 9 aprile 2008 - depositata il 13 giugno 2008(Sezione Terza Penale, Presidente G. De Maio, Relatore G. Sarno)
Bookmark and Share

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione