venerdì 2 maggio 2008

Esecuzione - Fungibilità del presofferto - Sentenza n. 16740 del 2 aprile 2008 - depositata il 22 aprile 2008

Al fine di ottenere un beneficio effettivo per il condannato, ossia di usufruire per intero del limite massimo dell’indulto, in presenza di un periodo di pena presofferto, esso può essere computato in parte alla pena detentiva e in parte alla pena pecuniaria, non ostandovi la lettera dell’art. 657 c.p.p. che, pur prevedendo al primo ed al terzo comma la possibilità di imputare il presofferto all’uno e all’altro tipo di pena, non esclude la possibilità di combinare le due operazioni.

Archivio articoli

 
Sentenze e massime - Ultime dalla Corte di Cassazione